Torna alla pagina iniziale  

Punta Valnera e Rifugio Arp- Val d'Ayas

Escursione del 08/06/2008

   

 

Torna a Escursioni

 

Torna a Escursioni in Val d'Aosta

 

La Punta Valnera una cima situata al di sopra degli alpeggi di Palasina e sopra i laghi alpini di Estoul, sullo spartiacque tra la Val d'Ayas e la Val di Gressoney. La cima gode di ottimo panorama sulla bassa valle e sulle cime principali della Valle d'Aosta.

L'escursione viene classificata come EE, anche se il tratto pi difficoltose tra il colletto Valnera e la cima, in quanto lievemente esposto e ripido.

Il percorso qui descritto effettua un giro ad anello intorno al Monte Bieteron salendo la cima della Punta Valnera per percorrere una parte di Valle d'Ayas molto bella e suggestiva. Non seguiamo il percorso convenzionale, ma passiamo prima per l'Alpe Moucheroulaz e risaliamo l'omonimo bosco passando per un sentiero in uso solo dai pastori, poi passando per i laghetti alpini di Estoul si giunge in cima e si ridiscende dal versante nord-ovest raggiungendo il Rifugio Arp, dove poi con la comoda carrozzabile si rientra a Estoul.

Escursione consigliata ad inizio estate per vedere la fioritura e l'apertura degli alpeggi di alta montagna.

 
   

 

  La cima della Punta Valnera vista dal Colletto Valnera Il rifugio Arp
     
 

SCHEDA ESCURSIONISTICA

 
     
LOCALITA': Estoul - Brusson - Val d'Ayas (AO)  
PARTENZA: Parcheggio alla fine dell'abitato  
ARRIVO: Punta Valnera e discesa al Rifugio Arp  
QUOTA PARTENZA: 1870 m s.l.m.  
QUOTA ARRIVO: 2754 m s.l.m. alla Pta Valnera - 2446 m s.l.m. al Rifugio Arp  
DISLIVELLI: 884 m  in salita fino alla Punta Valnera  
TEMPO DI PERCORRENZA: 2 h 30 min alla Punta Valnera + 1h 15 min per Rifugio Arp (1 h 15 min per ritorno da Arp a Estoul)  
DIFFICOLTA': E  
ATTREZZATURA: Abbigliamento e calzature da escursione  
TIPO DI PERCORSO: Percorso su sentiero, tracce di sentiero, rientro dall'Arp su carrabile.  
DESCRIZIONE: Si raggiunge il piccolo abitato di Estoul, una piccola frazione di Brusson, dove passato il paesino in direzione del Col Ranzola si giunge al parcheggio sopra la strada.

Dal parcheggio si procede in direzione dei cartelli e delle paline dei percorsi e si imbocca la larga strada sterrata dove si svolta subito a sinistra seguendo l'indicazione sentieristica per Moucheroulaz. Questo normalmente il percorso invernale scialpinistico. Dopo pochi minuti di cammino si raggiunge l'alpeggio, dove nei mesi estivi possibile acquistare direttamente del buon formaggio. Si prosegue lungo la piccola carrabile che diventa sempre pi una vaga traccia di largo sentiero, passando sopra le baite, fino a raggiungere una bella cascata di piccole dimensioni. Si guada la piccola cascata e il ruscello dove poco pi avanti si intravedono le vaghe tracce di sentiero che portano su lungo il pendio di rado bosco. In questa piccola zona boschiva ci sono diverse tracce, ma comunque la pi facile ed evidente risale pi o meno il linea retta il ruscello ora alla nostra sinistra. Si risale fino a superare, in linea d'aria,  il ripido pendio sulla sponda sinistra del torrente, dove sempre per tracce di sentiero raramente segnate con ometti, si guada di nuovo il ruscello per portarsi sulla sua sponda sinistra e ricongiungersi con le tracce di sentiero del percorso estivo. Si risale l'ampio valloncello, dove alla nostra destra sfila la lunga cresta nord del Monte Cios, fino a raggiungere i laghetti di Estoul.

Si segue la traccia di sentiero che porta a nord, dove situata ed ben visibile, la cima della Punta Valnera. Si oltrepassano i laghetti percorrendo le loro sponde orientali fino a portarsi sotto il versante sud della Punta Valnera. Si risale il pendio posto a sud-est dove al di sopra si trova il Colletto Valnera fino a raggiungerlo.Dal colletto si punta in direzione nord-est seguendo la cresta rocciosa della Punta Valnera fino a raggiungere la cima. Dalla cima d'obbligo la pausa fotografica e la vista ampia su molte cime della Valle d'Aosta.

Dalla cima si ridiscende di nuovo fino al colletto Valnera, dove seguendo le indicazioni sulla roccia e per tracce di sentiero si ridiscende il versante nord del colletto. Lungo il percorso si trova qualche ometto e tracce di sentiero. Giunti sotto il colletto si segue la direzione ovest / nord-ovest, in ogni caso sono ben visibili e facili da individuare gli ometti che indicano il percorso da seguire. Il percorso taglia in diagonale il pendio del versante sud della Punta Valfredda scendendo gradualmente di quota fino ad arrivare al Rifugio Arp.

Dal rifugio si segue la comoda strada carrabile che ridiscende l'alpe fino a passare sotto il ripido versante nord del Bieteron, ma restando sempre su strada carrozzabile. Da qui seguendo la strada si raggiungono gli impianti di risalita di Palasina, dove possibile intraprendere alcuni piccoli sentieri che evitano i tornanti.

Qui si riprende la strada e dopo aver passato gli alpeggi di Fontaine, si incontra un sentiero che scende alla nostra destra e che porta diretto verso la carrabile sottostante. Raggiunta la strada si svolta a sinistra per arrivare in pochi minuti al punto di partenza iniziale.

 
La partenza dal parcheggio di Estoul e verso Moucheroulaz
Sullo sfondo il valloncello da risalire per raggiungere i laghi di Estoul
Il Valloncello appena risalito
Superato il valloncello si superano i piccoli plateau fino ai laghi di Estoul
Il primo dei laghi di Estoul
Il Colletto Valnera visto lungo la salita, a destra e sullo sfondo l'inizio della cresta per la Punta Valnera

La crestina finale che porta in cima alla Punta Valnera

La discesa del versante nord della Valnera che conduce al sentiero per il Rifugio Arp altro tratto di discesa verso il Rifugio Arp Il Rifugio Arp ormai in vista
La comoda strada carrozzabile che riporta verso Estoul Un tratto di discesa che taglia la carrabile verso Estoul Discesa verso Estoul, Sullo sfondo ancora brulla la Punta Regina L'arrivo a Estoul nei pressi del parcheggio